Pretende soldi dalla moglie, insultandola e picchiandola. Arrestato

Pretende soldi dalla moglie, insultandola e picchiandola

Pretende soldi dalla moglie, insultandola e picchiandola. Arrestato.

I carabinieri della Tenenza di Misterbianco (Catania) hanno infatti arrestato nella flagranza di reato un 38enne catanese. In quanto appunto gravemente indiziato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

(Oltre a Pretende soldi dalla moglie, insultandola e picchiandola. Arrestato, leggi anche le altre news della rubrica DONNE).

Nella nottata, al centralino del 112 era pervenuta una richiesta d’aiuto da parte di una 37enne. La quale ha riferito al militare d’aver subito una aggressione da parte del marito 38enne.

I carabinieri intervenuti all’interno dell’abitazione nel centro di Misterbianco hanno così trovato la donna in casa, ancora scossa ed impaurita. Unitamente alle figlie minori e al marito, il quale avrebbe riferito ai militari che la discussione sarebbe scaturita per futili motivi.

In seguito è emerso che, all’origine dei fatti, ci sarebbero le immotivate richieste di denaro avanzate periodicamente dall’uomo alla moglie. Incaricata della gestione del bilancio familiare.

L’uomo, in atto sottoposto all’affidamento in prova ai servizi sociali, avrebbe dunque preteso le somme di denaro spesso insultando e schiaffeggiando la moglie. Nonostante quest’ultima gli spiegasse che il proprio diniego era motivato dall’indisponibilità economica.

Tali condotte, mai precedentemente denunciate dalla donna, sarebbero state reiterate abitualmente dall’uomo, nel corso dei 15 anni di matrimonio. Anche in presenza delle figlie minori.

Dopo un’ennesima richiesta con conseguente risposta negativa dalla moglie, l’uomo avrebbe ugualmente sottratto i soldi alla donna che li teneva nascosti all’interno della maglieria intima. Uscendo da casa salvo poi farvi rientro per aggredire nuovamente la 37enne. Procurandole lesioni giudicate guaribili in 7 giorni.

Quest’ultimo episodio avrebbe convinto la donna, ormai stanca di vivere nella paura, a chiedere aiuto ai carabinieri.

Il giudice così ha convalidato l’arresto. Disponendo per l’uomo la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Con applicazione del braccialetto elettronico.

Seguici anche su Facebook.

Agosto - Settembre 2022