Rumeno ubriaco sfregia viso alla cognata al viso e minaccia tutti con coltello

Rumeno ubriaco sfregia viso alla cognata e minaccia tutti con coltello

Rumeno ubriaco sfregia viso alla cognata al viso e minaccia tutti con coltello.

I carabinieri del nucleo operativo radiomobile della compagnia di Paternò hanno infatti arrestato in flagranza di reato un 39enne rumeno. In quanto gravemente indiziato appunto di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate. E ancora, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

(Oltre Rumeno ubriaco sfregia viso alla cognata al viso e minaccia tutti con coltello, leggi anche le altre news di CRONACA).

I carabinieri sono dunque intervenuti nella nottata a seguito di una richiesta di aiuto pervenuta tramite il 112 da parte di una donna. La quale ha segnalato l’aggressione del convivente non solo nei suoi confronti ma anche verso altre persone. Tra cui la cognata.

L’aggressione alla cognata:

Tempestivamente sopraggiunti presso l’abitazione indicata nel centro abitato di Paternò (Catania), i militari hanno infatti trovato ad attenderli alcuni cittadini rumeni. E la citata cognata che presentava una ferita da taglio sulla guancia sinistra.

La donna, ancora scossa e impaurita, ha riferito che al piano di sopra, in stato di ubriachezza, vi era il presunto autore dei maltrattamenti. Il quale, fino a poco prima dell’intervento dei militari, avrebbe brandito un coltello da cucina. Minacciando di morte la sua compagna, oltre che lei e il proprio marito presenti in casa.

Nella circostanza, i carabinieri hanno trovato l’uomo in evidente stato di ubriachezza. Che, alla loro vista, con fare esagitato, ha cercato invano di colpirli con il coltello. Lanciando al loro indirizzo anche una sedia, prima di essere bloccato.

In particolare, secondo quanto ricostruito, il 39enne, rientrato in casa in evidente stato di ubriachezza, avrebbe aggredito per futili motivi prima la propria compagna e successivamente gli altri parenti intervenuti in difesa della donna. (Per le lesioni riportate sono stati tutti medicati dal personale del 118 e giudicati guaribili con prognosi di gg. 5).

Il giudice ha così convalidato l’arresto. E, all’esito del rito direttissimo, ha disposto per l’uomo l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Seguici anche su Facebook e Instagram.

Agosto - Settembre 2022