Licenziamenti Pfizer: trovato accordo per salvare 130 giovani lavoratori

Licenziamenti Pfizer: trovato accordo per salvare 130 giovani lavoratori

Licenziamenti Pfizer: trovato accordo per salvare 130 giovani lavoratori.

Si è infatti chiusa ieri la procedura di licenziamento collettivo per 130 lavoratori. Procedura avviata lo scorso 7 febbraio dalla Wyeth Lederle. Società controllata da Pfizer che gestisce lo stabilimento produttivo etneo.

Dopo due mesi e mezzo di trattative, scandite da uno sciopero generale e diversi sit-in, grazie anche alla mediazione dell’assessorato regionale del Lavoro, si è dunque arrivati ad un compromesso. Mirato appunto allo svecchiamento dell’organico per assicurare la continuità occupazionale a 130 unità più giovani.

Un’intesa che, adesso, passerà al vaglio dell’assemblea dei dipendenti che si terrà oggi all’interno dello stabilimento catanese.

(Oltre a Licenziamenti Pfizer: trovato accordo per salvare 130 giovani lavoratori, leggi anche le altre news di SOLIDARITY).

Se verrà accolta anche dal personale, partirà così la manifestazione di interesse per l’incentivazione economica all’esodo dei lavoratori prossimi alla pensione.

E inoltre degli assunti con contratto a tutele crescenti.

Con l’obiettivo di raggiungere una quota di circa 80 persone che entro novembre lascerebbero volontariamente Pfizer Catania.

A questi vanno aggiunti gli oltre 10 lavoratori che hanno già accettato la proposta di trasferirsi nel sito produttivo di Ascoli Piceno. E ancora, di alcune unità che, invece, hanno già lasciato l’azienda avendo trovato una diversa occupazione.

Sarà quindi ancora una lunga corsa. E, in questo senso, un monitoraggio dell’andamento dei previsti esodi è già programmato per giugno. Mentre l’azienda stessa dovrà impegnarsi a collocare in altri reparti i dipendenti che non potranno beneficiare delle agevolazioni proposte.

Nel contempo i sindacalisti proveranno a disputare, in un campo diverso, un’altra partita che riguarda il futuro dell’intero stabilimento di Catania.

«Abbiamo fatto il possibile per cercare di salvare il salvabile. Portando a casa un risultato che quantomeno consente di non perdere risorse giovani. Non è sicuramente uno dei migliori accordi di sempre. E c’è ben poco da festeggiare quando, comunque, il calo dei livelli occupazionali per il sito della nostra città è evidente».

Affermano cono i segretari provinciali Jerry Magno di Filctem Cgil, Giuseppe Coco di Femca Cisl. E ancora, Alfio Avellino di Uiltec e Carmelo Giuffrida di Ugl Chimici, insieme alle Rsu.

«Saremo vigili ed estremamente attenti sull’attuazione di quanto concordato. Per far sì che nessun lavoratore resti deluso. Aldilà di come è andata, continua a sentirsi forte la latitanza delle istituzioni nazionali.

A Catania, infatti, c’è un grande problema di prospettiva. Ovvero sulle sorti future del sito controllato dalla Pfizer e degli oltre 500 dipendenti ancora in servizio.

È inconcepibile che il Ministero dello sviluppo economico continui a voltare le spalle a questi lavoratori. Non chiedendo conto all’azienda (una tra le più ricche del mondo) rispetto al piano industriale che intende adottare. Soprattutto dopo il rocambolesco procedimento appena concluso.

Siamo sempre pronti a battagliare in ogni sede per difendere il diritto al lavoro nel nostro territorio».

Presenti nella sede di Palazzo della Regione, anche l’assessore Antonio Scavone e la dirigente del Centro per l’impiego Salvatrice Rizzo che ha coordinato il tavolo.

Seguici anche su Facebook e Instagram.

Agosto - Settembre 2022